La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Erbaluce  è un autoctono piemontese la cui origine è tuttora incerta. Potrebbe provenire dal basso Monferrato, oppure secondo la tesi più accreditata, dalla zona subalpina del Canavese. Il nome deriva dal colore degli acini, che sono più invaiati nelle parti esposte alla luce del sole. All'epoca dei romani sembra fosse noto come Alba Lux (ossia luce dell'aurora) appunto per la luminosità dei suoi acini. L'Erbaluce è un vitigno molto versatile. Infatti, grazie alla spiccata acidità e alla dolcezza dei suoi acini, con l'Erbaluce si possono produrre diverse tipologie di vino, dai vini secchi agli spumanti e ai vini dolci e passiti. Questi ultimi beneficiano sia dell'acidità che del contenuto zuccherino che dalla resistenza degli acini all'attacco da perte di muffe e parassiti che caratterizzano il vitigno Erbaluce.

Erbaluce

Informazioni sul vitigno

Colore baccabianca
Categoria vitigniautoctoni
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniLombardia, Valle d’Aosta
Raccomandato regioniPiemonte

Ampelografia

Caratteristiche della foglia

media, pentalobata.

Caratteristiche del grappolo

mediamente compatto, compatto, grandezza media, conico. Ali nel grapppolo: 0-1.

Caratteristiche dell'acino

dimensione media, di forma sferoidale, con buccia pruinosa e di colore verde-gialla.

Caratteristiche vino

Il vino che si ottiene dal vitigno Erbaluce è di colore Giallo paglierino. Al palato è fresco, fruttato.

Caratteristiche colturali e produttive

Richiede potaturalunga
Vigoriaelevata
Produttivitànotevole, irregolare
Tipo allevamentocontrospalliera, guyot

Argomenti correlati

  • Seguici sui social network

  • Contatta Quattrocalici

  • Supporta Quattrocalici

    Trovi utile il nostro sito?

    Partecipa attivamente alla costruzione del nostro portale con una piccola donazione

    Supporta Quattrocalici
  • Le regioni d’Italia

  • Libri & Accessori