L’ATLANTE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE di Quattrocalici

Toma Piemontese DOP

La Denominazione

Toma Piemontese DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Toma Piemontese” è riservata esclusivamente al formaggio prodotto con latte di vacca, intero o parzialmente decremato per affioramento o tramite centrifuga. Forma, dimensioni e peso: Vi sono due tipologie: a latte intero e semigrasso. Si presenta di forma cilindrica a facce piane o quasi piane con scalzo leggermente convesso di diametro da 15 a 35 cm. Il peso di una forma varia da 1,8 a 4 Kg per la forma “piccola” e da oltre 4 Kg sino a 10 kg per la forma “grande”. Caratteristiche: Crosta: non edibile, elastica (per il prodotto semigrasso) e liscia, di colore paglierino, grigio, rossiccio o bruno a seconda della stagionatura; Pasta: di colore bianco paglierino; Struttura: moderatamente consistente ed elastica, in particolare per il prodotto semigrasso, con occhiatura minuta, diffusa per il prodotto a latte intero. Formaggio semicotto ideale come formaggio da tavola. Grasso: -minimo 40% sul secco per il prodotto a latte intero -minimo 20% sul secco per il prodotto semigrasso Sapore e Aroma: dolce, gradevole e delicato per il tipo a latte intero, intenso e armonico di aroma fragrante che diviene più caratteristico con l’avanzare della stagionatura per il prodotto semigrasso. Si produce per l’intero arco dell’anno.  La zona di provenienza del latte, di trasformazione, stagionatura ed elaborazione del formaggio Toma Piemontese comprende il territorio delle province di: Novara, Vercelli, Biella, Torino, Cuneo, Verbania Cusio Ossola, nonché dei comuni di Acqui Terme, Terzo, Bistagno, Ponti e Denice in provincia di Alessandria e di Monastero Bormida, Roccaverano, Mombaldone, Olmo Gentile e Serole in provincia di Asti. Il formaggio Toma Piemontese DOP può utilizzare la menzione aggiuntiva “prodotto della montagna”, così come previsto dal Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali del 30/12/2003, quando l’area di produzione (origine del latte, trasformazione/lavorazione del latte e di stagionatura) è classificata come territorio montano.Menzione aggiuntiva – Il formaggio Toma Piemontese prodotto e stagionato ad una quota superiore ai 900 mt nei territori montani dei comuni previsti dall’area di produzione può portare la menzione “di Alpeggio” a condizione che: – il latte provenga da tali zone e sia ottenuto esclusivamente da vacche, capre e pecore mantenute al pascolo nel periodo compreso tra l’inizio di maggio e la fine di ottobre, su appezzamenti prato-pascolivi di origine naturale.

Toma Piemontese DOP

La Denominazione nei dettagli

Creata nel1996
RegionePiemonte
ProvincieNovara, Vercelli, Biella, Torino, Cuneo, Alessandria, Asti
Tipo di denominazioneDOP
MerceologiaFormaggi
Toma Piemontese DOP

Il Disciplinare della denominazione

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Toma Piemontese DOP, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.