Pedevenda - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno pedevenda

Il vitigno Pedevenda

Il vitigno Pedevenda è una dei vecchi vitigni, molti dei quali dimenticati, coltivati nella provincia di Vicenza. Il suo utilizzo principale è per la produzione del famoso Torcolato (passito, tipologia della DOC Breganze), anche se in alcuni casi sono stati ottenuti interessanti vini secchi. Le prime notizie sulla sua coltivazione risalgono al 1754, anno in cui Valerio Canati in arte Aureliano Acanti, annovera "il grato Pedevenda" tra i vini famosi del territorio di Vicenza. Anche Acerbi nel 1825, e Zara nel 1901, parlano di questo vitigno, citandolo il primo come Pexerenda e l'altro come Peverenda. L'origine del nome è sconosciuta.

 

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Pedevenda B. 334 Vicenza 1995 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Pedevenda

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Pedevenda ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media o piccola, trilobata
  • Grappolo: medio-grande, piramidale allungato, generalmente con un'ala pronunciata, mediamente compa
  • Acino: medio, ovale Buccia: spessa e consistente di colore giallo dorato-rosa

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Pedevenda ha buona vigoria ed epoca di maturazione medio-precoce.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Pedevenda dà un vino di colore giallo paglierino intenso, di buona acidità e struttura.

Denominazioni in cui il vitigno è presente


DOC