L’ATLANTE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE di Quattrocalici

Prosciutto di Carpegna DOP

La Denominazione

Prosciutto di Carpegna DOP

La denominazione d’origine protetta “Prosciutto di Carpegna” è riservata al prosciutto crudo stagionato che risponde alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione. Gli allevamenti dei suini destinati alla produzione del “Prosciutto di Carpegna” debbono essere situati nel territorio delle regioni Lombardia, Emilia Romagna e Marche. I suini nati, allevati e macellati nelle suddette regioni sono conformi alle prescrizioni già stabilite a livello nazionale per la materia prima dei prosciutti di Parma e S. Daniele. Il periodo di stagionatura, dalla salagione alla commercializzazione, non dura meno di 13 mesi. All’atto della immissione al consumo il “Prosciutto di Carpegna” deve presentare le seguenti caratteristiche fisicheed organolettiche: – Forma: tondeggiante, non globosa, tendente al piatto, con sufficiente strato di grasso nella parte opposta all’anca; – Peso: non inferiore a 8 kg; – Aspetto al taglio: colore tendenzialmente rosa salmonato, con adeguata quantità di grasso solido, di colore bianco rosato all’esterno. Caratteristiche organolettiche: – Profumo: delicato e penetrante di carne stagionata; – Gusto: delicato e fragrante; – Consistenza: tenera ed elastica delle carni;

Prosciutto di Carpegna DOP

La Denominazione nei dettagli

Creata nel1996
RegioneMarche
Tipo di denominazioneDOP
MerceologiaSalumi
Prosciutto di Carpegna DOP

Il Disciplinare della denominazione

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Prosciutto di Carpegna DOP, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.