La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Pignoletto può ritenersi un autoctono dell'area Emiliana. Le prime notizie risalgono al '600, da cronache dell'epoca che riportavano la coltivazione nei colli bolognesi, di uve a bacca bianca conosciute col nome di "Pignole". Più recentemente, indagini condotte sul DNA hanno evidenziato alcune somiglianze col Grechetto umbro e col Greco (diffuso in tutto il meridione ma sprattutto in Campania e in Calabria). Questo farebbe risalire le origini del vitrigno Pignoletto alla vasta famiglia dei vitigni "Greci", cioè derivanti dalle barbatelle ancticamente importate in Italia dai primi coloni Greci. Il nome "Pignoletto" potrebbe derivare dalla forma degli acini che ricorderebbe vagamente una piccola pigna, ma più verosimilmente è attribuibile ad un vino bianco anticamente prodotto nell'area dei colli bolognesi e noto come "Pino Lieto".

Pignoletto

Informazioni sul vitigno

Colore baccabianca
Categoria vitignilocali
SinonimiGrechetto
Anno di registrazione1994
Autorizzato regioniEmilia-Romagna

Ampelografia

Caratteristiche della foglia

media, piccola, pentagonale, trilobata.

Caratteristiche del grappolo

mediamente compatto, compatto, corto, cilindrico, conico.

Caratteristiche dell'acino

piccoli, di forma elissoidale, con buccia sottile, consistente, poco pruinosa e di colore verde-gialla.

Caratteristiche vino

Il vino che si ottiene dal vitigno Pignoletto è di colore Giallo paglierino, trasparente. Al palato è fruttato.

Caratteristiche colturali e produttive

Predilige climafresco
Predilige posizionecollinare
Epoca maturazionemedia, tardiva
Vigoriamoderata
Produttivitànotevole, irregolare

Argomenti correlati

  • Seguici sui social network

  • Contatta Quattrocalici

  • Supporta Quattrocalici

    Trovi utile il nostro sito?

    Partecipa attivamente alla costruzione del nostro portale con una piccola donazione

    Supporta Quattrocalici
  • Le regioni d’Italia

  • Libri & Accessori