La persistenza delle bollicine

Il Glossario della degustazione del vino di Quattrocalici

La persistenza delle bollicine nell’effervescenza degli spumanti

La valutazione dell’effervescenza prende in esame, oltre alla grana e al numero delle bollicine, anche la loro persistenza, ossia la capacità di scaturire anche dopo un tempo relativamente lungo dall’apertura della bottiglia e/o dalla mescita dello spumante nel bicchiere.

La persistenza delle bollicine, così come la loro grana ed il loro numero delle bollicine sono determinate dalla tipologia dell’elaborazione e soprattutto dalla durata della permanenza del vino base a contatto con i lieviti.

Gli spumanti gassificati (ormai scomparsi dal mercato) e quelli prodotti in autoclave con metodi veloci (Charmat corto) tenderanno ad avere bollicine più evanescenti, mentre quelli prodotti in autoclave con il metodo Charmat lungo o, soprattutto, gli spumanti metodo classico, tenderanno ad avere bollicine più persistenti.

Tutti i termini del Glossario per: La persistenza delle bollicine

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.