Corinto nero - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno corinto nero

Il vitigno Corinto nero

Il vitigno Corinto nero, come suggerisce il nome, è originario della Grecia, ma è ormai diffuso in molte regioni europee, Grecia (dove è conosciuto come Patras Currant o Kourenti) e Turchia in particolare. In Francia viene chiamato Marine noir. E' un vitigno molto antico, già menzionato dal Gallo nel 1595, che a sua volta cita Plinio il Vecchio, che aveva fatto riferimento al Corinto nero come "Uva Marina nera". In seguito il Molon (1906) lo riporta col nome di "Passerina nera". Esistono anche due altre varietà, il Corinto bianco e il Corinto rosa, meno diffuse e che non hanno però parentele col Corinto nero, se non, presumibilmente, l'origine Greca. Nella zona del Reggiano viene chiamato "Tarmarina".

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Corinto nero N. 68 Messina 1971 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Corinto nero

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Corinto nero ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-piccola, pentagonale, tri o pentalobata
  • Grappolo: medio-piccolo, conico, allungato, a volte con una o due ali, spargolo
  • Acino: piccolo o piccolissimo, sferoidale Buccia: molto pruinosa, tenera, di colore rosso-violetto

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Corinto nero ha vigoria scarsa, epoca di maturazione medio-precoce, non ho esigenze particolari e risulta abbastanza resistente alle avversità.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Corinto nero dà un vino rosso rubino tenue. Al naso è intenso, fruttato con note di prugna e speziato, con decisi sentori di pepe nero. Al palato è fresco, giustamente tannico, persistente.Viene anche utilizzato per la produzione di uva passa.

Denominazioni in cui il vitigno è presente