La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Pedevenda

Il vitigno Pedevenda

    Il vitigno Pedevenda è una dei vecchi vitigni, molti dei quali dimenticati, coltivati nella provincia di Vicenza. Il suo utilizzo principale è per la produzione del famoso Torcolato (passito, tipologia della DOC Breganze), anche se in alcuni casi sono stati ottenuti interessanti vini secchi. Le prime notizie sulla sua coltivazione risalgono al 1754, anno in cui Valerio Canati in arte Aureliano Acanti, annovera “il grato Pedevenda” tra i vini famosi del territorio di Vicenza. Anche Acerbi nel 1825, e Zara nel 1901, parlano di questo vitigno, citandolo il primo come Pexerenda e l’altro come Peverenda. L’origine del nome è sconosciuta.

    Pedevenda

    Informazioni generali sul vitigno Pedevenda

      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Anno di registrazione1995
      Autorizzato provinceVicenza

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      Foglia media, Foglia piccola, Pentagonale, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      dimensione media, di forma Ovoidale, con buccia spessa, Buccia consistente e di colore verde-gialla.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Pedevenda è di colore Giallo paglierino, intenso. Al palato è fresco, intenso.

      Caratteristiche colturali e produttive

      Denominazioni di riferimento

      DenominazioneTipo denominazioneRegione
      Breganze DOCDOCVeneto

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino