La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Lambrusco Marani deriva, come anche gli altri Lambruschi coltivati in Emilia, da viti vinifere selvatiche, presenti nell'antichità in tutta Italia. I latini chiamavano "Lambrusca vitis" tutta una serie di vitigni selvatici che davano acini piccoli e aspri e non venivano generalmente utilizzati per la vinificazione. Solo intorno al 1825, grazie ad Acerbi, si iniziò a fare una distinzione tra i vitigni derivati dalle viti selvatiche, e fu in questa occasione che per la prima volta venne menzionato il nome Marani.

Lambrusco Marani

Informazioni sul vitigno

Colore baccanera
Categoria vitignilocali
Famiglia vitigniLambruschi
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lombardia

Ampelografia

Caratteristiche della foglia

media, orbicolare, trilobata.

Caratteristiche del grappolo

mediamente compatto, grandezza media. Ali nel grapppolo: 1.

Caratteristiche dell'acino

dimensione media, di forma sferoidale, elissoidale, con buccia sottile, consistente, pruinosa e di colore blu-nera.

Caratteristiche vino

Il vino che si ottiene dal vitigno Lambrusco Marani è di colore Rosso rubino, brillante. Al palato è fresco, vinoso, floreale, fragrante.

Caratteristiche colturali e produttive

Richiede potaturacorta
Vigoriaelevata
Produttivitànotevole, regolare

Argomenti correlati

  • Seguici sui social network

  • Contatta Quattrocalici

  • Supporta Quattrocalici

    Trovi utile il nostro sito?

    Partecipa attivamente alla costruzione del nostro portale con una piccola donazione

    Supporta Quattrocalici
  • Le regioni d’Italia

  • Libri & Accessori