L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Pecorino di Picinisco DOP

Pecorino di Picinisco DOP

Caratteristiche del prodotto Pecorino di Picinisco DOP

La denominazione di origine protetta (DOP) “Pecorino di Picinisco” è riservata esclusivamente al formaggio pecorino proveniente dall’areale di produzione particolarmente vocato alla pastorizia e alla produzione di formaggi ovi – caprini che ricade nella valle di Comino, un bacino inquadrato nel Lazio meridionale, in provincia di Frosinone, pochi km a Nord di Cassino ed ad Est di Sora, nel settore occidentale della catena montuosa della Meta – Mainarde. All’atto dell’immissione al consumo, il “Pecorino di Picinisco” DOP è un formaggio di forma cilindrica a facce piane, a latte crudo e a pasta cruda, ottenuto da latte ovino delle razze di Sopravissana, Comisana, Massese o incroci con almeno una di queste razze. E’ ammesso l’utilizzo di latte di capra proveniente dalle razze a diffusione limitata quali Capra grigia ciociara, Capra bianca monticellana, Capra capestrina o incroci con almeno una di queste, per una percentuale massima del 25%. Per la produzione del “Pecorino di Picinisco” DOP, è ammesso, esclusivamente, l’utilizzo di latte crudo intero proveniente da una o più mungiture.  Il formaggio “Pecorino di Picinisco” DOP, immesso al consumo nelle tipologie “Scamosciato” e “Stagionato”, presente le seguenti caratteristiche: Scamosciato: Stagionatura: da 30 a 60 giorni; Diametro del piatto: da 12 cm a 25 cm; Altezza della scalzo: da 7 cm a 12 cm; Pezzatura: da 0,7 kg a 2,5 kg; Crosta: sottile e rugosa, tendente al giallo paglierino; Pasta: struttura compatta con leggera occhiatura; colore bianco tendente al giallo paglierino; Umidità: inferiore al 45% Grasso sulla sostanza secca: inferiore al 55%; Sapore: dolce con spiccati aromi di pascolo di montagna. Assenza di odore di stalla. Stagionato: Stagionatura oltre 90 giorni; Crosta sottile e rugosa, tendente al giallo paglierino; pasta con struttura compatta con leggera occhiatura; colore giallo paglierino; umidità: inferiore al 35%; grasso sulla sostanza secca inferiore al 55%; sapore intenso e corposo che prosegue verso il piccante con la stagionatura, con spiccati aromi di pascolo di montagna.

Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

I Dettagli della denominazione Pecorino di Picinisco DOP

Creata nel2013
RegioneLazio
ProvincieFrosinone
Tipo di denominazioneDOP
MerceologiaFormaggi

Il disciplinare della denominazione Pecorino di Picinisco DOP

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Pecorino di Picinisco DOP, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione