Molinara - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno molinara

Il vitigno Molinara

Il vitigno Molinara è caratterizzato da un'abbondante presenza di pruina sugli acini, da cui il nome Mulinara, cioè "da mulino". E' a partire dal 1800 che questo vitigno viene coltivato nella Valpolicella, in Valpantena e nella Valle d'Illasi ed in queste zone ha assunto nomi diversi come "Rossara" o "Rossanella" nella zona del Garda, o come "Brepon" in Valpantena e molte volte confusa con "Ua salà" (uva salata, per via del sapore sapido).

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Molinara N. 148 Rossano, Rossanella Lombardia Verona 1970 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Molinara

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Molinara ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-grande, leggermente allungata, trilobata, a volte intera.
  • Grappolo: è medio, piramidale allungato, con una o due ali corte, piuttosto spargolo.
  • Acino: medio, sferoidale o leggermente allungato Buccia: di colore rosso-violaceo, consistente e leggermente spessa, molto pruinosa.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Molinara ha buona vigoria e produzione abbondante.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Molinara in purezzza dà un vino di colore rosato-cerasuolo, di profumo delicato, di medio corpo. In genere il vitigno Molinara è vinificato in uvaggio con gli altri vitigni della zona per ottenere i vini delle denominazioni della Valpolicella e di Bardolino

Denominazioni in cui il vitigno è presente