Sapidità del vino

Il Glossario della degustazione del vino di Quattrocalici

La Sapidità del vino. Tutti i termini dell’Esame Gustativo.

La sapidità di un vino è conseguente alla presenza di sali disciolti al suo interno, diversi da quelli derivanti dall’acidità (citrati, tartrati e altri). In generale parliamo di sali di sodio, calcio, potassio e altri microelementi presenti in forma di cloruri, solfati e carbonati o altro. La presenza di questi sali in quantità anche minime può rafforzare la sensazione di freschezza dovuta all’acidità e dare in più una percezione salina o per l’appunto sapida. In termini enologici, un indicatore della possibile sapidità di un vino è l’estratto secco, ossia il residuo solido del vino dopo l’evaporazione di tutte le componenti liquide e dei gas in esse disciolti.

Tutti i termini del Glossario per: Sapidità del vino

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.