Pampanuto - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno pampanuto

Il vitigno Pampanuto

Il vitigno Pampanuto è conosciuto in Puglia fin dall'800 e si trova citato in alcuni testi dell'epoca, anche se le sue origini rimangono incerte. Veniva anche citato con il nome di Pampanuto di Terlizzi, dall'omonimo paesino dove era diffusamente coltivato. Spesso si trova associato nei filari al Bombino Bianco, e in uvaggio con questo è presente anche in molti vini. E' considerato sinonimo del vitigno Verdeca.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Pampanuto B. 179 Pampanino , Verdeca (252) Bari, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto 1971 Locali, Sinonimi

Caratteristiche del vitigno Pampanuto

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Pampanuto ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, orbicolare e pentalobata;
  • Grappolo: medio, conico o piramidale, mediamente compatto o compatto.
  • Acino: medio, sferoidale Buccia: pruinosa, abbastanza spessa e consistente, di colore verde-giallo.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Pampanuto ha buone vigoria e produttività e un'elevata resa in mosto.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Pampanuto dà un vino di colore giallo paglierino con profumi freschi, fragranti e leggermente fruttati, il gusto fine e delicato.