Lambrusco Viadanese - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno lambrusco viadanese

Il vitigno Lambrusco Viadanese

Il vitigno Lambrusco Viadanese deriva il suo nome dal comune di Viadana, nel mantovano. Il vitigno è probabilmente originario dalle viti selvatiche, derivando il termine Lambrusco dal latino "Vitis Lambrusca" ossia selvatica.  Queste uve erano anche dette anche "uzeline" o "oseline" per il fatto che, crescendo sppontaneamete al limitare dei boschi, venivano depredate dagli uccelli che ne erano ghiotti. Il vitigno Lambrusco Viadanese è conosciuto anche come "Groppello Ruberti", dal nome dell’enologo che lo decretò miglior vitigno della provincia. La sua diffusione è maggiormente localizzata nel Mantovano, nella zona delimitata dai fiumi Oglio e Po, ed è alla base dell'uvaggio della Doc Lambrusco Mantovano. Lo si ritrova anche nel Cremonese, oltre che nelle province di Reggio Emilia e Modena, anche se in misura minore.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Lambrusco viadanese N. 121 Groppello Ruberti Emilia-Romagna, Lombardia 1970 Locali, Lambruschi

Caratteristiche del vitigno Lambrusco Viadanese

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Lambrusco Viadanese ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media , pentagonale, trilobata, pagina superiore glabra, opaca.
  • Grappolo: medio, a forma cilindrica, abbastanza compatto.
  • Acino: medio, sferoidale Buccia: spessa e consistente, di colore blu-nero distribuito uniformemente e molto pruinosa.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Lambrusco Viadanese ha buona vigoria e produttività media e costante.

Caratteristiche vino:

Dal vitigno Lambrusco Viadanese si ottengono vini di colore rosso rubino intenso, rotondi, leggermente tannici

Denominazioni in cui il vitigno è presente