Mayolet - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno mayolet

Il vitigno Mayolet

Il vitigno Mayolet è riportato in Valle d'Aosta fin dalla fine del '700, per cui con buone ragioni si può ritenerlo un autentico autoctono valdostano. Il Mayolet occupa un areale di coltivazione piuttosto ampio, che si estende da Saint-Vincent ad Avise, sulla destra e sulla sinistra della Dora Baltea, e raggiunge la considerevole altitudine di 800 metri sul mare, coltivato assieme ad altre varietà della zona. E' il più precoce degli autoctoni valdostani. Non si riportano vigneti di Mayolet in coltura specializzata ma le sue uve concorrono alla produzione di alcuni vini rossi della Valle d'Aosta DOC.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Mayolet N. 306 Valle d'Aosta 1981 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Mayolet

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Mayolet ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-grande, cuneiforme, tri o pentalobata
  • Grappolo: medio-piccolo, cilindrico, compatto, talvolta alato
  • Acino: piccolo, sferoidale Buccia: pruinosa, sottile, di colore blu

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Mayolet ha vigoria elevata ed epoca di maturazione medio-precoce. Dà generalmente una buona produzione.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Mayolet dà un vino rosso rubino. Al naso è fine e delicato. In bocca morbido, di corpo, equilibrato.

Denominazioni in cui il vitigno è presente