Susumaniello - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno susumaniello

Il vitigno Susumaniello

Il vitigno Susumaniello, di probabili origini dalmate, è diffuso da tempo in Puglia, in provincia di Brindisi. Il suo nome deriva dalla sua abbondante produttività che permetteva, letteralmente, di "caricare il somaro". La elevata produttività di questo vitigno cala drasticamente con l'età del ceppo, fino a raggiungere, con la maturità della pianta, quantità massime di non più di 1-1,2 kg/ceppo. L'elevata produttività dei ceppi  giovani, unita all'intensa colorazione dei suoi mosti, ha fatto si che in passaato venisse impiegato per la produzione di filtrato dolce acquistato da case vinicole nel nord Italia. L'esaurirsi della domanda per questi prodotti ha fatto decadere l'interesse per il Susumaniello, ma il fatto che le piante più mature diano bassa produzione, e quindi alta concentrazione in estratti delle bacche, accompagnata da un buona acidità fissa,  ha permesso la sua riscoperta come uva da cui ottenere grandi vini rossi, sia in purezza che in abbinamento con Negroamaro e Malvasia nera di Brindisi.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Susumaniello N. 229 Sussumariello Bari Brindisi, Lecce, Taranto 1974 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Susumaniello

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Susumaniello ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, pentagonale, quinquelobata
  • Grappolo: medio, piramidale, composto, allungato e compatto
  • Acino: medio, sferoidale Buccia: pruinosa, di medio spessore ma poco consistente, di colore bluastro

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Susumaniello è caratterizzato da elevata produttività, per cui richede in genere potature lunghe

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Susumaniello ha produttività elevata e costante, che tende a calare con l'età della vite.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Susumaniello dà un vino rosso rubino intenso. Al naso è fruttato e vegetale, con un certo tono "rustico". Al palato esprime un buon tenore alcolico, tannico e dotato di una buona dose di acidità che lo rende un vino predisposto ad un medio invecchiamento.

Denominazioni in cui il vitigno è presente