Torbato - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno torbato

Il vitigno Torbato

Il vitigno Torbato è presente in Sardegna nella sola zona di Alghero, ed è di indubbia origine spagnola, essendo stato importato durante la dominazione catalana. E' infatti noto anche come Vitis iberica e con i nomi dialettali di Uva catalana o Turbat. Nell'Algherese occupa ormai solamente una superficie di poco più di 90 ettari. Tempo addietro veniva allevato ad alberello, ma attualmente le forme espanse, anche a tendone, sono più diffuse. I terreni della piana di Alghero, di natura calcareo-argillosa  ed il clima caldo e asciutto si adattano perfettamente a questo vitigno. Il vitigno Torbato viene vinificato generalmente in purezza e come base per un vino spumante brut, ambedue compresi nella DOC Alghero.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Torbato B. 237 Sardegna 1970 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Torbato

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Torbato ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, orbicolare, tri o pentalobata
  • Grappolo: medio, semiserrato, cilindrico o cilindrico-conico
  • Acino: medio-piccolo, sferoidale Buccia: consistente, di colore giallo dorato

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Torbato predilige climi caldi e asciutti, posizioni non molto elevate e suolo e suoli silicei-argillosi-calcarei.

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Torbato ha vigoria media ed epoca di maturazione media, produttività media.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Torbato dà un vino di colore giallo paglierino. Al naso delicato e fruttato, al palato caldo e morbido, con finale di bocca leggermente amarognolo.

Denominazioni in cui il vitigno è presente


DOC
Sardegna: