Portoghese - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno portoghese

Il vitigno Portoghese

Il vitigno Portoghese si trova in Italia soltanto in Alto Adige, in particolare nella zona della Val d'Isarco, dove rientra nella tipologia "Klausener Leitacher". Nonostante il nome, in Portogallo non esistono vitigni che possano far pensare ad una parentela col Portoghese, per cui la sua origine è più attendibilmente austriaca, dalla zona della Stiria. Da qui il vitigno ha trovato la sua diffusione soprattutto in Germania, Ungheria, Croazia e alla fine anche in Italia.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Portoghese N. 198 blauer portugieser*, portugieser* Bolzano 1971 Internazionali

Caratteristiche del vitigno Portoghese

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Portoghese ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, pentagonale, pentalobata
  • Grappolo: grande, piramidale, alato, compatto
  • Acino: medio, ellittico Buccia: pruinosa, mediamente spessa, di colore blu-nero

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Portoghese ha epoca di maturazione precoce. La sua "rusticità" unita alla maturazione precoce, lo rende adatto a latitudini e altitudini generalmente proibitive. Tuttavia risulta sensibile alle basse temperature.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Portoghese dà un vino rosso rubino intenso. Al naso è fruttato ed intenso. Al palato è asciutto, armonico, fresco per acidità, mediamente tannico, di corpo ed equilibrato.

Denominazioni in cui il vitigno è presente


DOC

IGT
Trentino-Alto Adige: