La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Vien de Nus deve il suo nome alla località  situata nei pressi di Aosta, da cui proviene e dove ancor oggi viene coltivata. Il suo nome significa appunto "pianta di Nus". E', insieme al Petit rouge, il vitigno autoctono a bacca rossa più coltivato e diffuso del comprensorio vitivinicolo della Valle d'Aosta, e come questo appartiene alla famiglia di vitigni autoctoni detti "Orious", evoluti attraverso continue riproduzioni naturali nel loro areale di coltivazione. Conosciuto anche come Gros Vien o Gros Rodzo, il Vien de Nus è diffuso su di un areale di coltivazione che si estende da Donnaz a Avise, su ambedue i versanti orografici della Dora Baltea, fino ad altitudini di circa 750 metri, ai massimi consentiti per la produttività della vite. Costituisce la base di alcuni vini rossi della Valle d'Aosta DOC.

Vien de Nus

Informazioni sul vitigno

Colore baccanera
Categoria vitigniautoctoni
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniValle d’Aosta

Ampelografia

Caratteristiche della foglia

grande, pentagonale, pentalobata.

Caratteristiche del grappolo

mediamente compatto, compatto, grandezza media, conico, piramidale. Ali nel grapppolo: 1.

Caratteristiche dell'acino

grandi, di forma sferoidale, con buccia molto pruinosa e di colore blu-nera.

Caratteristiche vino

Il vino che si ottiene dal vitigno Vien de Nus è di colore Rosso rubino con riflessi violacei. Al palato è secco, morbido, vinoso.

Caratteristiche colturali e produttive

Epoca maturazioneprecoce, media
Vigoriaelevata
Produttivitànotevole, irregolare
Sensibilità conosciuteintemperie, malattie

Argomenti correlati

  • Seguici sui social network

  • Contatta Quattrocalici

  • Supporta Quattrocalici

    Trovi utile il nostro sito?

    Partecipa attivamente alla costruzione del nostro portale con una piccola donazione

    Supporta Quattrocalici
  • Le regioni d’Italia

  • Libri & Accessori