La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Moschofilero e i suoi vini

    Il Moschofilero (in greco Μοσχοφίλερο) è un vitigno aromatico a bacca nera originario della Grecia, le cui caratteristiche sono simili a quelle dei Moscati a bacca nera. Viene coltivato in gran parte del paese, ma principalmente nel Peloponneso, dove è tradizionalmente utilizzato per produrre un vino secco, profumato, dalle tipiche note speziate. Il Moschofilero è caratterizzato da un caratteristico bouquet, nel quale spesso predomina la rosa rossa, nelle versioni dolci è generalmente abbinato a frutta fresca o a dessert a base di frutta. Se ne ottengono sia vini fermi che spumanti e passiti. La sua maturazione è tardiva e questo può comportare dei problemi nei climi caldi. Il Moschofilero sembra appartenere all’antica famiglia di vitigni “Fileri” del Peloponneso. Infatti il suffisso “-filero” si ritrova in molte varietà coltivate nella zona la cui composizione del DNA risulta simile a quella del Moschofilero. Il colore della buccia dei loro acini varia dal verde al nero e vi sono tra loro anche notevoli differenze in termini di contenuto zuccherino e nei livelli di acidità.

    moschofilero vitigno

    Il Moschofilero è il principale vitigno dei vini DOP Mantinia (in Peloponneso), freschi e leggeri, aromatici dai sapori floreali e vinosi. I vini della Mantinia DOP devono contenere almeno l’85% di Moschofilero, sebbene in pratica molti di questi vengono vinificati in purezza. In denominazioni IGP più generiche nella stessa regione, il Moschofilero si può trovare in assemblaggi con l’Asproudes, il Savatiano e il Roditis, aggiunti in genere per conferire acidità ai vini. I migliori vini sono spesso vinificati con rimescolamento delle fecce e maturazione in botte. Le uve coltivate in pianura vengono spesso utilizzate anche nella produzione di spumanti e di vini  “blanc de noirs“.

    Il Moschofilero si caratterizza per rese e produttività elevate, ma accompagnate da una sensibilità alle intemperie che può creare problemi in vigna. Risulta infatti sensibile sia alla pioggia che al freddo ed ad alte quote, nonostante la maturazione tardiva a volte può faticare a raggiungere livelli sufficienti di zucchero e fenoli prima della vendemmia.

    Condividi questo contenuto sui socialShare on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Moschofilero

      Il vitigno Moschofilero non viene coltivato in Italia. La sua origine è in Grecia, ma viene anche coltivato in Grecia. La sua superficie coltivata in Grecia ammonta a 930 ha, mentre a livello mondiale supera i .
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni aromatici, Vitigni autoctoni
      Nazione o zona di origineGrecia
      Coltivato inGrecia
      Superfice vitata nazionale930 ha

      Moschofilero - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Moschofilero sono:

      Moschofilero - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Moschofilero sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Moschofilero è di colore Rosso rubino. Al palato è Aromatico, Floreale, Fruttato.

      Moschofilero - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Moschofilero le caratteristiche principali sono:
      Predilige posizioneClima fresco, Clima ventilato
      Epoca maturazioneMaturazione tardiva
      VigoriaVigoria elevata
      ProduttivitàProduttività elevata
      Sensibilità conosciuteCalore, Freddo, Pioggia

      I Libri di Quattrocalici

      my wines quaderno degustazione

      My♥Wines

      Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

      conoscere il vino - il libro

      Conoscere il Vino  - Il Libro

      "Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...