L'Atlante delle Denominazioni di origine di Quattrocalici.it

Brunello di Montalcino DOCG

 

La denominazione di origine "Brunello di Montalcino DOCG" è una delle più importanti DOCG della regione Toscana, per le province di Siena. Esiste dal 1966 (DOC) ed è passata a DOCG dal 1980. I vini della Brunello di Montalcino DOCG vengono prodotti a partire dai vitigni Brunello, Sangiovese. Visualizza tutte le DOCG della regione Toscana sulla Guida alle Denominazioni di Origine dei Vini d'Italia di Quattrocalici.it

tipologie vini ammesse per la Brunello di Montalcino DOCG

  • Brunello di Montalcino
  • Brunello di Montalcino "riserva"

il dettaglio per le tipologie vini della Brunello di Montalcino DOCG

Link alle pagine delle tipologie vini:

Di seguito riportiamo i link a tutte le tipologie della Brunello di Montalcino DOCG. Cliccando ciascun link si accederà alla pagina della tipologia con tutte le caratteristiche organolettiche e di vinificazione previste dal diciplinare.

Zone di produzione per i vini della Brunello di Montalcino DOCG

Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” devono essere prodotte all’interno del territorio amministrativo del comune di Montalcino in provincia di Siena.

i dettagli della base ampelografica per la Brunello di Montalcino DOCG

Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti nell’ambito aziendale esclusivamente dal vitigno “Sangiovese” (denominato, a Montalcino, “Brunello”).

le norme per la viticoltura nella Brunello di Montalcino DOCG

Densità minima di impianto: quelle generalmente usate in funzione delle caratteristiche peculiari dell’uva e del vino; per i nuovi impianti ed i reimpianti la densità minima dovrà essere di 3000 piante per ettaro;

La quantità massima di uva per ettaro ammessa per la produzione del vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” non deve essere superiore a 8 tonnellate, pari a hl. 54,4 di vino. Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la produzione del vigneto in coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto al numero di viti esistenti ed alla loro produzione per ceppo, che non dovrà essere superiore in media a kg. 2,7.

le norme per la vinificazione e l'affinamento dei vini per la Brunello di Montalcino DOCG

  • La resa massima dell’uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 68%.  Nel caso di rivendicazione di una “Vigna” non può essere effettuato nessun tipo di arricchimento.
  • Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento di almeno due anni in contenitori di rovere di qualsiasi dimensione.
  • Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” non può essere immesso al consumo prima del 1° gennaio dell’anno successivo al termine di cinque anni calcolati considerando l’annata della vendemmia.
  • Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” può portare come qualificazione la menzione “Riserva” se immesso al consumo successivamente al 1° gennaio dell’anno successivo al termine di sei anni, calcolati considerando l’annata della vendemmia, fermi restando i minimi di due anni di affinamento in contenitori di rovere e di sei mesi in bottiglia.
  • Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino”, prima dell’immissione al consumo, deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento in bottiglia di almeno quattro mesi e di almeno sei mesi per il tipo riserva.

le caratteristiche dei vini inclusi nella Brunello di Montalcino DOCG

Il vino a denominazione di origine controllata e garantita “Brunello di Montalcino” all’atto dell’immissione al consumo deve rispondere alle caratteristiche di seguito esposte:

  • colore: rosso rubino intenso tendente al granato;
  • odore: caratteristico ed intenso;
  • sapore: asciutto, caldo, un po’ tannico, robusto, armonico, persistente;
  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
  • acidità totale minima: 5,0 g/l;
  • estratto non riduttore minimo : 24,0 g/l.

Produttori ubicati nel territorio della Brunello di Montalcino DOCG

Seleziona un produttore dall'elenco o dalla tabella