L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Dolcetto d’Acqui DOC


Indice dei contenuti per la denominazione Dolcetto d’Acqui DOC

La denominazione Dolcetto d’Acqui DOC rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Piemonte. La denominazione Dolcetto d’Acqui DOC include le province di Alessandria ed è stata creata nel 1972. I vini della denominazione Dolcetto d’Acqui DOC si basano principalmente sui vitigni Dolcetto. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Dolcetto d’Acqui DOC. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Dolcetto d’Acqui DOC.

La Denominazione

Il Dolcetto d’Acqui viene prodotto utilizzando l’omonimo vitigno Dolcetto, caratterizzato dal grappolo solitario, oblungo, con acini neri, minuti, tondi, che contengono una polpa di colore rosso acceso, densa, sugosa. Il vino che se ne ricava è intenso nel colore, sciolto, leggero. I vigneti sono coltivati secondo l’usanza del territorio, col sistema Guyot classico.

La vinificazione di cantina rispetta la tradizione al fine di valorizzare ed esaltare le caratteristiche del Dolcetto: la freschezza e la bevibilità. Il carattere giovane e gradevole di questo vino Piemontese si esprime nel suo sapore asciutto ed armonico.

Le caratteristiche del Dolcetto d’Acqui DOC sono date principalmente dal territorio di produzione, l’Alto Monferrato. Le colline che tagliano il territorio di Acqui sono in generale composte di un tufo bianco, o per meglio dire, di una marna argillosa compatta, o a volte sabbiosa, questi terreni influiscono nettamente ed in modo rilevante sulle caratteristiche organolettiche delle uve prodotte e del vino derivante.

Dettagli della denominazione

Creata nel1972
RegionePiemonte
ProvincieAlessandria
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Vitigni

VitignoColore bacca
DolcettoDolcettonera

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino