L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Ciliegia di Vignola IGP

Ciliegia dell’Etna DOP

Caratteristiche del prodotto Ciliegia di Vignola IGP

La denominazione “Ciliegia di Vignola” IGP designa il frutto delle seguenti cultivar di ciliegio: Precoci: Bigarreau Moreau, Mora di Vignola; Medie: Durone dell’Anella, Anellone, Giorgia, Durone Nero I, Samba, Van; Tardive: Durone Nero II, Durone della Marca, Lapins, Ferrovia, Sweet Heart; coltivate nel territorio consistente nella fascia formata dal tratto pedemontano del fiume Panaro e altri corsi d’acqua minori, dai 30 metri s.l.m. fino alla quota di 950 metri, nei seguenti Comuni delle Province di Modena e Bologna: 1) In Provincia di Modena: Castelfranco Emilia, Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Guiglia, Lama Mocogno, Marano sul Panaro, Modena, Montese, Pavullo nel Frignano, San Cesario sul Panaro, Savignano sul Panaro, Serramazzoni, Spilamberto, Vignola, Zocca; 2) In Provincia di Bologna: Bazzano, Casalecchio di Reno, Castel d’Aiano, Castello di Serravalle, Crespellano, Gaggio Montano, Marzabotto, Monte S. Pietro, Monteveglio, Sasso Marconi, Savigno, Vergato, Zola Predosa.  La “Ciliegia di Vignola” deve rispondere alle seguenti caratteristiche qualitative:  polpa consistente e croccante ad esclusione della Mora di Vignola;  buccia sempre lucente ma di colore giallo e rosso brillante per la varietà Durone della Marca e di colore dal rosso brillante al rosso scuro per tutte le altre varietà;  sapore dolce e fruttato;  gradi brix non inferiori a 10° per le varietà precoci e 12° per tutte le altre;  acidità da 5 a 10 g/l di acido malico. In relazione alla tipologia varietale vengono definiti i seguenti calibri minimi: 20 mm: Mora di Vignola 21 mm: Durone dell’Anella, Giorgia, Durone Nero II, Durone della Marca, Sweet Heart 22mm: Bigarreau Moreau, Lapins, Van 23 mm: Durone Nero I, Anellone, Samba, Ferrovia. All’atto dell’immissione al consumo i frutti devono essere:  integri, senza danni; provvisti di peduncolo;  puliti, privi di sostanze estranee visibili;  sani, esenti da marciumi e da residui visibili di fitofarmaci;  esenti da parassiti. Art. 3 Zona di produzione. La zona di produzione della “Ciliegia di Vignola”

Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

I Dettagli della denominazione Ciliegia di Vignola IGP

Creata nel2012
RegioneEmilia-Romagna
ProvincieBologna, Modena
Tipo di denominazioneIGP
MerceologiaFrutta

Il disciplinare della denominazione Ciliegia di Vignola IGP

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Ciliegia di Vignola IGP, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione