L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Scalogno di Romagna IGP

Scalogno di Romagna IGP

Caratteristiche del prodotto Scalogno di Romagna IGP

L’indicazione “Scalogno di Romagna” designa esclusivamente il bulbo cipollino delle specie Allium Ascalonicum. La zona di produzione comprende la parte del territorio della Regione Emilia Romagna atta alla coltivazione dell’Allium Ascalonicum e interessa i seguenti comuni: – in provincia di Ravenna: Brisighella, Casola Valsenio, Castelbolognese, Faenza, Riolo Terme, Solarolo; – in provincia di Forlì: Modigliana, Tredozio; – in provincia di Bologna: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel Guelfo, Dozza, Fontanelice, Imola, Mordano. Lo “Scalogno di Romagna” all’atto dell’immissione al consumo deve avere le seguenti caratteristiche: A. prodotto fresco: mazzetti legati di circa 500 grammi al di sopra del colletto legati con rafia nella parte terminale. B. prodotto secco: mazzetti di bulbi del peso di gr. 500 circa. I mazzetti debbono essere composti da bulbi omogenei di pezzatura grossa. La legatura è fatta con rafia al di sopra dell’apice del bulbillo, ben stretta e con le foglie mozzate cm 5 sopra la legatura. trecce. I bulbi devono essere selezionati, intrecciati o con le sole foglie oppure ordite con rafia. bulbi secchi in confezione mignon in rete di plastica da gr. 100.

Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

I Dettagli della denominazione Scalogno di Romagna IGP

Creata nel1997
RegioneEmilia-Romagna
ProvincieBologna, Ravenna, Forlì-Cesena
Tipo di denominazioneIGP
MerceologiaOrtaggi

Il disciplinare della denominazione Scalogno di Romagna IGP

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Scalogno di Romagna IGP, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione