L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Fungo di Borgotaro IGP

Fungo di Borgotaro IGP

Caratteristiche del prodotto Fungo di Borgotaro IGP

L’indicazione geografica protetta “Fungo di Borgotaro” è riservata ai funghi freschi del genere Boletus che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione.  La denominazione “Fungo di Borgotaro” designa i carpofori delle seguenti varietà di boletus derivate da crescita spontanea nel territorio definito più innanzi . A) Boletus aestivalis (anche Boletus reticulatus Schaffer ex Baudin) chiamato dialettalmente “rosso” o “fungo del caldo”;  B) Boletus pinicola Vittadini (anche B. pinophilus Pilat e Dermek) chiamato dialettalmente “moro”;  C) Boletus aereus Bulliard ex Fries, chiamato dialettalmente “magnan”;  D) Boletus edulis Bulliard ex Fries che dialettalmente prende il nome “fungo del freddo” in particolare la “forma bianca”;  La zona di produzione del “Fungo di Borgotaro” comprende il territorio idoneo dei comuni di Borgotaro ed Albareto in provincia di Parma ed il comune di Pontremoli in provincia di Massa Carrara.

I Dettagli della denominazione Fungo di Borgotaro IGP

Creata nel1996
RegioneEmilia-Romagna, Toscana
ProvincieParma, Massa-Carrara
Tipo di denominazioneIGP
MerceologiaFunghi

Il disciplinare della denominazione Fungo di Borgotaro IGP

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Fungo di Borgotaro IGP, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione