La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Moscato d’Alessandria e i suoi vini

    Il Moscato d’Alessandria è un antico vitigno dalle origini antiche, che appartiene alla famiglia dei Moscati, uve aromatiche la cui diffusione è praticamente planetaria. Esse vengono usate soprattutto per la produzione di vini dolci, anche se esistono importanti esempi di vini secchi prodotti con uve moscate. Il Moscato d’Alessandria è uno dei più antichi rappresentanti di questa famiglia e la sua zona di origine avuto origine si trova nella regione della grande città di Alessandria, all’estremità occidentale del delta del Nilo, in Egitto. Il Moscato d’Alessandria viene utilizzato sia come uva da tavola che per la produzione di vino ma anche per la produzione di uva passa. Il Moscato d’Alessandria è meno famoso del Moscato bianco, ma in alcune zone ben definite esso dà vita a vini di altissima qualità il più delle volte dolci o fortificati.

    moscato d'alessandria

    Lo troviamo ad esempio nella zona di Rutherglen in Australia, nell’Isola di Pantelleria in Italia (dove viene chiamato Zibibbo), a Setubal in Portogallo (Muscatel de Setubal) e a Malaga sulla costa meridionale della Spagna. In tutte queste zone si vini dolci da uve Moscato d’Alessandria. In Francia è pochissimo diffuso e l’unico esempio degno di nota è il Muscat de Rivesaltes, dall’omonima cittadina nei Pirenei, in cui il Moscato d’Alessandria è miscelato con Moscato bianco (Muscat Blanc a Petits Grains). In Cile la varietà è ampiamente coltivata e viene utilizzata per produrre il brandy Pisco e piccole estensioni vengono coltivate anche in California e Sud-Africa. Il calo di popolarità dei vini dolci e liquorosi ha portato i produttori di molte regioni di coltivazione del Moscato d’Alessandria a sperimentarne l’utilizzo nella produzione di vini secchi (sia fermi che spumanti).

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Moscato d’Alessandria

      Il vitigno Moscato d’Alessandria è un vitigno internazionale a Bacca bianca la cui origine è ed è diffuso principalmente in Spagna, Portogallo, Cile, California, Sud Africa. In Italia viene coltivato principalmente nella regione e vi è registrato ufficialmente dal . La sua superficie coltivata a livello italiano ammonta a , mentre a livello mondiale ammonta a 26.500 ha.
      Colore baccaBacca bianca
      Coltivato inSpagna, Portogallo, Cile, California, Sud Africa
      Superfice vitata mondiale26.500 ha
      Famiglia vitigniMoscati
      SinonimiZibibbo

      Moscato d’Alessandria - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Moscato d’Alessandria sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Moscato d’Alessandria ha Foglia media, Pentagonale, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Moscato d’Alessandria ha Grappolo compatto, Grappolo lungo, Grappolo piramidale.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Moscato d’Alessandria ha acini Acini grandi, di forma Sub-sferoidale, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente e di colore verde-gialla.

      Moscato d’Alessandria - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Moscato d’Alessandria sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Moscato d’Alessandria è di colore Giallo dorato. Al palato è Aromatico, intenso, di corpo, complesso, dolce.

      Moscato d’Alessandria - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Moscato d’Alessandria le caratteristiche principali sono:
      Predilige climaClima caldo
      Epoca maturazioneMaturazione media, Maturazione tardiva
      Richiede potaturaPotatura corta
      ProduttivitàProduttività elevata
      Resistente aSiccità

      I Libri di Quattrocalici

      my wines quaderno degustazione

      My♥Wines

      Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

      conoscere il vino - il libro

      Conoscere il Vino  - Il Libro

      "Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...