La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Bracciola nera e i suoi vini

    Il vitigno Bracciola nera è un antico vitigno autoctono presente soprattutto nelle regioni costiere della Toscana e della riviera di levante in Liguria, attualmente poco coltivato. Si può trovare in qualche vecchio filare ed è usato soprattutto per produrre vino da taglio nelle IGT locali, o per la produzione di vini da tavola. La Bracciola nera è presente nella regione delle Cinque Terre almeno dall’inizio del 19° secolo quando il naturalista italiano Giuseppe Acerbi descrisse l’uva, conosciuta localmente come Braciola, nel 1825. L’unica Denominazione di Origine Controllata in cui la Bracciola nera riveste un ruolo significativo è la Colli di Luni DOC in cui l’uva può essere miscelata con Sangiovese, Canaiolo, Pollera nera, Ciliegiolo, Vermentino nero e altre varietà. La Bracciola nera è una varietà a maturazione tardiva contribuisce all’acidità negli assemblaggi in cui viene impiegata.

    bracciola nera vitigno

    La Bracciola nera è una varietà a maturazione tardiva che spesso ha livelli di acidità molto elevati nelle uve mature. La vite può essere molto produttiva e genera alte rese, se non tenuta sotto controllo tramite potatura invernale e raccolta verde. La Bracciola nera è coltivata nella provincia di La Spezia, che comprende i vigneti terrazzati delle Cinque Terre. Nel 2000 erano 110 gli ettari di Bracciola nera piantati in Italia, quasi tutti nella provincia di Massa-Carrara in Toscana e nella provincia di La Spezia in Liguria, dove rientra nella composizione della tipologia Colli di Luni Rosso DOC, nel quale la Bracciola nera assieme alla Colombana nera, il Vermentino nero e altri vitigni autoctoni locali sono autorizzati ad essere utilizzati fino ad un massimo del 25% del vino.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Bracciola nera

      Il vitigno Bracciola nera è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera della regione Toscana, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 26 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale26 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniToscana

      Bracciola nera - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Bracciola nera sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Bracciola nera ha Foglia media, grande, Orbicolare, Pentagonale, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Bracciola nera ha Grappolo grosso, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Bracciola nera ha acini dimensione media, grandi, di forma Acini irregolari, con buccia Buccia molto pruinosa e di colore blu-nera.

      Bracciola nera - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Bracciola nera sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Bracciola nera è di colore Rosso rubino.

      Bracciola nera - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Bracciola nera le caratteristiche principali sono:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione