Oidio

L’oidio è detto anche mal bianco, è una malattia della vite di origine fungina che si sviluppa soprattutto in presenza di umidità costante ed in zone mediamente calde, soprattutto quando vi sia scarsa aerazione. L’oidio attacca foglie, infiorescenze, tralci ancora verdi e i grappoli, ricoprendoli di una polvere bianco-grigiastra. I tralci interessati manifestano parziale lignificazione e diventano più sensibili ai freddi invernali. Le foglie si deformano e la loro funzionalità diventa irregolare, mentre gli acini non maturano e si spaccano.  Una volta che l’oidio ha colpito la vite, il danno è fatto e il suo contenimento risulta difficoltoso, pertanto esso va combattuto preventivamente con polverizzazioni di zolfo oppure utilizzando una coltura fungina antagonista, l’ampelomyces quisqualis.

ARGOMENTI CORRELATI


  • Il Glossario del Vino