I Vini selezionati da Quattrocalici

Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent - Alario Claudio

Un Vino della cantina Alario Claudio

Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent - vino della cantina Alario Claudio

rosso-fermo-bottiglia

Il vino "Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent" è un Dolcetto, sicuramente uno tra i più importanti vini prodotti dall'azienda Alario Claudio. L'azienda Alario Claudio è situata in una delle più belle zone vinicole della provincia di Cuneo e della regione Piemonte in generale. Il vino “Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent” di Alario Claudio in quanto Dolcetto, si contraddistingue per il suo profilo organolettico caratteristico ed originale al tempo stesso. Il vino "Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent" di Alario Claudio è un vino rosso, fermo e secco, vinificato da uve Dolcetto nel contesto delle tipologie previste dalla denominazione Dolcetto d’Alba DOC. L'azienda Alario Claudio è stata inserita nella Guida Vini di Quattrocalici perché è una delle realtà vitivinicole più importanti della provincia di Cuneo. La zona in cui si trova l'azienda Alario Claudio è storicamente vocata per la viticoltura. In particolare, i numerosi riconoscimenti ottenuti dalle aziende agricole della provincia di Cuneo hanno stimolato ulteriormente i produttori ad investire nel territorio per utilizzarne al meglio il potenziale produttivo, per migliorare costantemente la qualità ed affrontare nuovi mercati. I vini dell'azienda Alario Claudio ed in particolare il Dolcetto “Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent”, sono caratterizzati dal giusto tenore zuccherino e alcolico e da buona acidità fissa, la quale contribuisce ad esaltarne i profumi e a mantenerli nel tempo. La cantina Alario Claudio produce circa bottiglie del vino "Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent", a testimoniare l'importanza che tale vino riveste nel contesto della produzione aziendale.

Alario Claudio - La Cantina e i Vini

Alario Claudio Vini
Alario Claudio
Via S. Croce, 23 - 12055 Diano d’Alba (Cuneo)
riesrvato agli iscritticontatti disponibili solo per produttori iscritti

Iscrivi la tua azienda. Arricchisci questa pagina.

Contenuti esclusivi per le aziende aderenti. Il tuo logo, le tue immagini, descrizioni personalizzate della tua azienda e dei tuoi vini e molto altro.

Scrivi un commento sul vino Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent

Valuta il vino

(0 recensioni)

Caratteristiche del vino Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent della cantina Alario Claudio

Nella tabella riportiamo i dati tecnici del vino Dolcetto d’Alba Superiore Pradurent della cantina Alario Claudio. Per maggiori dettagli sul prodotto, fare rifermento al sito del produttore.
Categoria vino:Dolcetto
Tipo denominazione:DOC
Colore:rosso
Tipologia:fermo
Zuccheri:secco
Volume bottiglia:0.75
Regione:Piemonte
Provincia:Cuneo
Vitigni:Dolcetto
Denominazione:Dolcetto d’Alba DOC
Menzioni:Superiore
Tipologia vino:Dolcetto d’Alba superiore DOC

I Libri di Quattrocalici

my wines quaderno degustazione

My♥Wines

Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

conoscere il vino - il libro

Conoscere il Vino  - Il Libro

"Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...