Ricordi retro-olfattivi

persistenza del vino

Tutti i termini della scala di persistenza del vino.

I Ricordi retro-olfattivi e la persistenza del vino. Quando definiamo “persistente” un vino, facciamo riferimento a quella proprietà chiamata persistenza gusto-olfattiva, che raramente viene spiegata nelle sue reali manifestazioni. La persistenza gusto-olfattiva si manifesta come una serie (uno o più) ricordi sensoriali a livello retro-olfattivo o palatale. Generalmente coinvolgono i descrittori olfattivi più dominanti del vino in questione (note di mandorle, di agrumi, di vaniglia per esempio), ma anche sensazioni gustative quali sapidità, amarezza, dolcezza. Questo “pacchetto” sensoriale ci accompagna per un intervallo di tempo più o meno lungo dopo la deglutizione o l’assaggio e la sua intensità e complessità va a confermare la definizione di persistenza del vino degustato.

ARGOMENTI CORRELATI


  • Il Glossario del Vino