La Guida ai vini d'Italia di Quattrocalici
Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Introduzione ai vini Pignolo d'Italia

Il Pignolo è un vitigno autoctono Friulano conosciuto ed apprezzato sin dal 1600. Il Pignolo è presente soprattutto nella zona di Prepotto, uno dei territori ideali per la coltivazione, mentre è accertato che la sua origine sia nei vigneti dell’Abbazia di Rosazzo, tra i quali alla fine degli anni settanta del secolo scorso sono state individuate e salvate le ultime due viti rimaste, miracolosamente scampate al flagello della fillossera dell’inizio secolo. Il nome del vitigno deriva dalla compattezza dei suoi grappoli, che ricordano per l’appunto una pigna. L’operazione di recupero è stata sicuramente uno dei più importanti successi della viticultura Friulana: il vino che si ottiene da queste uve ha profumi complessi e intensi, ed un gusto vigoroso, elegante ed equilibrato che fa di questo vino un fiore all’occhiello dell’enologia regionale. E’ ideale se abbinato ai piatti di carne alla brace, selvaggina o salumi speziati.

>

Le caratteristiche dei vini Pignolo

Colore, tipologie, vitigni e regioni di produzione dei vini Pignolo d'Italia
Colorerosso
Tipologiefermo
VitigniPignolo
RegioneFriuli-Venezia Giulia

Guida alla degustazione dei vini Pignolo

Scopriamo i segreti della degustazione dei vini Pignolo nella Guida alla Degustazione dei vini d'Italia di Quattrocalici.

Denominazioni di origine per i vini Pignolo

>

Argomenti correlati