Il Colore nei vini bianchi

Il colore giallo più o meno dorato o intenso dei vini bianchi dipende sia dal vitigno che dal processo di produzione


Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


Il colore base e le tonalità di colore dei vini bianchi

I Vini Bianchi sono caratterizzati da colori che appartengono alla famiglia del giallo. Pertanto il giallo è il colore base per i vini bianchi. L’intensità e la tonalità del colore dei vini bianchi varia in funzione della pigmentazione delle bucce del vitigno, ma anche in funzione della tipologia e del processo di produzione, ed in particolare dalla concentrazione in estratti del vino e dal tempo di contatto con le bucce.

Le tonalità nel colore dei vini bianchi

Le tonalità del colore dei vini bianchi vengono raggruppate in tre sottoinsiemi:

Giallo verdolino

Giallo verdolino: caratteristico colore dei vini bianchi giovani e freschi, in genere di intensità molto lieve: i riflessi verdolini sono in alcuni casi a malapena percettibili;

Giallo paglierino

Giallo paglierino: Il colore dei vini bianchi più diffuso, caratteristico di vini giovani, di buona intensità e concentrazione;

Giallo dorato

Giallo dorato: caratteristico colore dei vini bianchi più concentrati o di più lungo affinamento. Si riscontra spesso nei vini secchi affinati in legno, in molti vini dolci, passiti o negli spumanti metodo classico di lunga permanenza sui lieviti.

A queste si aggiungono altre due tonalità, il giallo aranciato (caratteristico, ad esempio, degli Orange wines) e il giallo ambrato, che si trova invece in vini passiti molto concentrati, in vini che hanno subito affinamenti ossidativi (come il Vin Santo o i Marsala) o in vini in stato evolutivo molto avanzato o addirittura decrepito.

Le sfumature di colore dei vini bianchi

Oltre alle tonalità di base del colore dei vini bianchi, abbiamo le sfumature, che sono:

All’interno della stessa tonalità di colore sfumature più tendenti al verdolino permettono di individuare quei vini, all’interno di una determinata tipologia, relativamente più giovani e meno strutturati. Parimenti, sfumature dorate o tonalità più intense indicheranno vini, all’interno di una determinata tipologia, più maturi e strutturati.

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier AIS. Si interessa di biochimica ed enologia, di enografia e storia del vino e della vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto