S. Lunardo - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno san lunardo

Il vitigno San Lunardo

Il vitigno San Lunardo ha origini poco precise. E' certo, comunque, che esso viene coltivato nell'isola d'Ischia fin dal 1700. Si ritiene che il nome derivi da un religioso che per primo selezionò questa varietà, che si chiamava, per l'appunto "Don Lunardo". Altri ritengono che derivi dal santo patrono locale, "San Leonardo". I vigneti che contengono questa varietà sono sempre meno e si teme che nel futuro possa somparire del tutto.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
San Lunardo B. 220 Napoli 1971 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno S. Lunardo

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno San Lunardo ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-grande, pentagonale, pentalobata
  • Grappolo: medio, conico, alato, compatto o molto compatto
  • Acino: piccolo, corto, arrotondato Buccia: di medio spessore, consistente, di colore verde-giallo

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Caratteristiche vino:

Denominazioni in cui il vitigno è presente