Rotberger - La Guida dei Vitigni d'Italia

Il vitigno Rotberger

Il vitigno Rotberger

Il Rotberger é un raro vitigno di origine tedesca, frutto di un incrocio tra Riesling renano e Trollinger (Schiava). L’ incrocio é stato ottenuto nel 1928 dal dott. Heinrich Birk (1898-1973) dell'Istituto di Ricerca di Giesenheim.  La diffusione del Rotberger è piuttosto limitata e la troviamo soprattutto in Germania, nel Palatinato (Hessische Bergstraße) e nel Nahe, poi in Canada (Okanagan Valley) nella Columbia Britannica e in poche altre zone nel Liechtenstein, in Austria e in Italia. Le caratteristiche dei vitigni di base (acidità e profumi)garantiscono una vocazione naturale per la vinificazione in rosato. Il Rotberger non è al momento iscritto al Registro Nazionale Varietà di Vite.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Incroci

Caratteristiche del vitigno Rotberger

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Rotberger ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: Media, pentalobata.
  • Grappolo: Medio, cilindrico, compatto
  • Acino: rotondo, da medio a grande Buccia: spessa, pruinosa, di colore blu scuro.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Caratteristiche vino:


Il vitigno Rotberger dà un vino fine con sentori erbacei, ma anche note fruttate di fragola, di mirtillo rosso, pesca, e speziate di erbe aromatiche, pepe nero, vaniglia. Il vino é di media struttura, abbastanza fresco, abbastanza intenso e abbastanza caldo. Alla fine risulta un vino molto gradevole, piuttosto equilibrato e abbastanza complesso.

Denominazioni in cui il vitigno è presente