Rossignola - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno rossignola

Il vitigno Rossignola

Il vitigno Rossignola è autoctono della provincia di Verona. E' presente soprattutto nelle zone del Bardolino e della Valpolicella, e rientra nelle denominazioni principali presenti in quest'area. Sebbene  la sua presenza sia riportata esclusivamente in questa zona, la sua presenza è stata riportata solo recentemente, all'inizio dell'800. Il vitigno Rossignola viene ritenuto adatto soprattutto alla produzione di rosati, essendo il suo vino di strutturalmente di poco corpo, ragione per la quale la coltivazione è stata in parte abbandonata.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Osservazione province Anno ins. Gruppi
Rossignola N. 214 Rossetta Vicenza Verona 1971 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Rossignola

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Rossignola ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, pentagonale, pentalobata
  • Grappolo: medio, tronco-piramidale, talvolta alato, compatto
  • Acino: medio, obovoide Buccia:molto pruinosa, sottile e di colore rosso-violaceo.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Rossignola ha buona vigoria e produzione buona e regolare.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Rossignola dà un vino dal colore rubino scarico con sfumature violacee, con profumi abbanstanza intensi, abbastanza complessi, sapore mediamente corposo, fresco e con buona sapidità. Generalmente non viene vinificato in purezza, ma in uvaggio con altri vitigni della zona della Valpolicella o di Bardolino.

Denominazioni in cui il vitigno è presente