Pollera nera - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno pollera nera

Il vitigno Pollera nera

Il vitigno Pollera nera ha quasi sicuramente le sue origini in liguria, in particolare fin dall'800 esistono testimonianze della sua coltivazione nella zona delle Cinque Terre e dell'alta Lunigiana, in provincia di La Spezia, da cui si è andata diffondendo verso la bassa Valle Magra. Oggi è presente soprattutto nei vigneti della Lunigiana e delle zona confinante con la Toscana, nella zona di Massa-Carrara.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Pollera Nera N. 197 Liguria, Toscana 1970 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Pollera nera

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Pollera nera ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-piccola, trilobata o pentalobata
  • Grappolo: medio-grosso, compatto, spesso alato
  • Acino medio, rotondo o ellissoidale molto corto, a volte deformato dalla compattezza del grappolo Buccia: fine, molto pruinosa, di colore grigio-violetto

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Pollera nera non registra particolari esigenze per quanto riguarda il terreno o fattori climatici.

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Pollera nera ha produzione abondante e abbastanza regolare.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Pollera nera dà un vino rosso rubino, di corpo leggero, semplice, da bere giovane.

Denominazioni in cui il vitigno è presente