Nero buono - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno nero buono

Il vitigno Nero buono

Il vitigno Nero buono è coltivato quasi esclusivamente all'interno del territorio del comune di Cori, tanto che è anche noto come Nero Buono di Cori, in provincia di Latina e non lontano dall'area romana. Questo vitigno ha origini pressochè sconosciute ma è  quasi sicuramente una varietà autoctona del luogo e coltivata già in epoca remota. Considerato ottimo vitigno da taglio, grazie alla perseveranza di pochi produttori lungimiranti, è stato riscoperto e spesso lavorato in purezza dando vita a vini caratteristici e di valore.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Nero Buono N. 168 Lazio 1971 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Nero buono

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Nero buono ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-grande, pentagonale e eptalobata
  • Grappolo: di medie dimensioni, alato, conico e serrato
  • Acino:  medio, sferoidale Buccia: spessa, pruinosa e di colore rosso-nero

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Nero buono ha maturazione medio-tardiva, vigoria media. E' molto sensibile al marciume a causa della serratezza del grappolo, soprattutto in stagioni molto piovose. Ha produzione regolare ma non abbondante.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Nero buono dà un vino di colore rosso rubino, intenso, dal profumo a volte vinoso, non di elevata gradazione alcolica.

Denominazioni in cui il vitigno è presente