Negrara - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno negrara

Il vitigno Negrara

Il termine vitigno Negrara identifica in realtà il gruppo verticale delle Negrare, diverse fra loro e coltivate prevalentemente nel Trentino-Alto Adige e nel Veneto. Il tipo più comune e caratteristico è la Negrara trentina. esiste anche una Negrara o Negronza, che però è diversa dalla cultivar trentina e risulta sia stata utilizzata in passato intorno a Verona. Questi vitigni sono coltivati nella provincia di Verona, in particolare nella Valpolicella e lungo il lago di Garda, da cui si sono diffusi limitatamente in Lombardia (Colli Mantovani e Garda bresciano) e nel Trentino.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Negrara N. 161 Trento, Verona, Vicenza Lombardia 1970 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Negrara

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Negrara ha foglia media, pentagonale nella "negrara trentina", quasi intera nella "negrara veronese", trilobata nella "negronza" o pentalobata. Il suo grappolo è grande, piramidale allungato con una o due ali, compatto. L'acino è medio-grande, sferoidale o leggermente schiacciato, con buccia spessa e resistente, ricoperta di abbondante pruina, di colore blu-nero.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Negrara ha vigoria medio-elevaata e maturazione tardiva. Ha buona produzione, soprattutto se allevato a pergola.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Negrara non è mai vinificato in purezza, ma sempre in uvaggio con varietà locali, quali Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. Il vino che se ne ottiene è rosso rubino con riflessi violacei, di naso vinoso e speziato, con note di pepe verde. In bocca asciutto e leggermente tannico, di poco corpo, sapido, abbastanza fine.

Denominazioni in cui il vitigno è presente


IGT
Lombardia:
Trentino-Alto Adige:, Veneto: