Lambrusco Barghi - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno lambrusco barghi

Il vitigno Lambrusco Barghi

Il vitigno Lambrusco Barghi ha origine incerta, probabilmente toscana. Era coltivato estesamente fino agli anni '60 nelle tenute del conte Corbelli sia a Castelnovo di Sotto che a Rivalta, in provincia di Reggio Emilia. E' una delle molte varietà di Lambruschi coltivata in Emilia-Romagna, e come le altre deriva probabilmente da viti vinifere selvatiche, che crescevano abbondantemente in maniera spontanea nei colli dell'Appennino e che erano chiamate dai latini "Lambrusca vitis".

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Lambrusco Barghi N. 404 Emilia-Romagna 2007 Locali, Lambruschi

Caratteristiche del vitigno Lambrusco Barghi

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Lambrusco Barghi ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: pentalobata, con seni mediamente profondi, seghettata al margine, lembo medio-piccolo.
  • Grappolo: medio-grosso, spesso alato, picciolo di media lunghezza, tralcio biondo rossiccio.
  • Acino: medio o medio-grosso Buccia: pruinosa, spessa molto resistente alla botrytis.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Lambrusco Barghi ha vigore medio-elevato e produttività media.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Lambrusco Barghi dà un vino di colore rosso rubino intenso. Al naso ha profumi eleganti, con note fruttate. Al palato risulta di media acidità e sapidità, ed è caratterizzato da persistenza gusto-olfattiva medio-alta.

Denominazioni in cui il vitigno è presente