Diolinoir - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno diolinoir

Il vitigno Diolinoir

Il vitigno Diolinoir è stato cretato attorno al 1970 da André Jaquinet a Pully  nel cantone Svizzero di Losanna, incrociando il Rouge de Doilly (noto anche come Robin noir) con il Pinot nero, allo scopo di ottenere un vino di struttura ed intensa colorazione, atto a migliorare gli uvaggi neri dei vini svizzeri. In Italia è vitigno autorizzato nella regione Valle d'Aosta e in osservazione per la provincia di Bolzano.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Osservazione province Anno ins. Gruppi
Diolinoir N. 350 Valle d'Aosta Bolzano 2000 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Diolinoir

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Diolinoir ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: piccola, pentagonale, tri o pentalobata
  • Grappolo: medio, allungato, serrato
  • Acino: piccolo, sferico Buccia: di colore blu-nero

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Diolinoir ha epoca di maturazione media e vigoria meida

Caratteristiche vino:

Il vitigno Diolinoir dà un vino di colore rosso rubino intenso, corposo, ricco di tannini. Viene generalmente usato in uvaggio con altri vitigni.

Denominazioni in cui il vitigno è presente


IGT
Trentino-Alto Adige: