Bianchetta Trevigiana - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno bianchetta trevigiana

Il Vitigno Bianchetta Trevigiana

Il Vitigno Bianchetta Trevigiana è di origine incerta. Infatti, come per molti vitigni con nomi analoghi, il nome veniva usato  per indicare il colore delle bacche e spesso indicava un gruppo di uve anche diverse tra loro. Nei colli trevigiani, fin dal '700 si ha notizia di un'uva chiamata "Bianchetta". Questo vitigno viene usato spesso in abbinamento ad altri vitigni, quali il Verdiso, per accompagnare la Glera nell'uvaggio del Prosecco.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Bianchetta trevigiana B. 27 Verona Belluno, Treviso 1970 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Bianchetta Trevigiana

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Bianchetta Trevigiana ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, pentagonale e trilobata.
  • Grappolo:  medio, cilindrico o piramidale, corto, con un'ala, molto compatto.
  • Acino: medio, sferoidale Buccia: pruinosa, di colore verde giallastro, spessa e consistente.

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Bianchetta trevigiana predilige terreni profondi e calcarei. Si alleva a controspalliera con potatura lunga o a pergola trentina.

Caratteristiche produzione:

Il Vitigno Bianchetta Trevigiana ha vigoria elevata, epoca di maturazione tardiva, produttività abbondante e costante

Caratteristiche vino:

Il vitigno Bianchetta Trevigiana dà buon vino da pasto con scarso corpo e di pronta e veloce beva.