Strade del Vino e dei Sapori in Italia

Le Strade del Vino sono degli enti previsti con la Legge 27 luglio 1999, n. 268 titolata per l'appunto "Disciplina delle Strade del Vino" e a loro volta costituiti e disciplinati sulla base di apposite leggi regionali.

La legge prevede che le Regioni (o le Province autonome) definiscano dei percorsi segnalati e pubblicizzati con appositi cartelli, lungo i quali insistono valori naturali, culturali e ambientali, vigneti e cantine di aziende agricole singole o associate aperte al pubblico. L'idea è quella di creare uno strumento attraverso il quale i territori vinicoli e le relative produzioni possono essere divulgati, commercializzati e fruiti in forma di offerta turistica.

Le attività di ricezione e di ospitalità, compresa la degustazione dei prodotti aziendali e l'organizzazione di attività ricreative, culturali e didattiche, svolte da aziende agricole nell'ambito delle "strade del vino", possono quindi essere  in questo contesto assimilate alle attività agrituristiche secondo le disposizioni in materia a livello nazionale e regionale.

Attualmente la situazione in termini di comunicazione verso il pubblico è altamente disomogenea. Alcuni Strade esistono soltanto sul web e sono nella realtà scomparse o non più attive, altre hanno cambiato indirizzo fisico, contatti telefonici o sito web o hanno sito web inattivo. Tutto ciò ha reso la nostra ricerca difficoltosa ed i risultati parziali e non sempre (purtroppo) accurati. Preghiamo i visitatori interessati di segnalarci errori, omissioni, inesattezze e quant'altro scrivendo all'indirizzo mail info@quattrocalici.it.

 


Pagine