Terre della Pieve La Guida Vini di Quattrocalici.it

Azienda Agricola Terre della Pieve

Terre della Pieve è una realtà  nata nel 2003, dalla comune passione per il mondo del vino, da un gruppo di amici “capitanati “ da Lucchi Sergio e  avvalsi dalla consulenza enologica di Attilio Pagli e del suo collaboratore Emiliano Falsini. Le caratteristiche  produttive che caratterizzano  i vini sono principalmente: il territorio e i vitigni tradizionali romagnoli. Il territorio è sicuramente in Romagna una delle zone più vocate per la vitivinicoltura di qualità, in quanto i vigneti sono ubicati  sul colle di Bertinoro (FC) e precisamente nella piccola frazione di Polenta, nei pressi dell’antica pieve citata da Dante nella Divina Commedia. Zona che risulta essere all’interno del comune di Bertinoro la zona più alta (mt.300 slm) con terreni di natura argillosa segnati da vene calcaree di grande importanza, testimoniata dalla presenza in zona dalle  miniere di gesso attualmente in disuso. L’esposizione a sud dei 5 ettari di vigneto di proprietà è una delle altre condizioni per ottenere la perfetta  maturazione delle uve. I vitigni principalmente prodotti sono della più classica tradizione romagnola cioè: Sangiovese, proposto nella versione Superiore e Riserva ed in una particolarissima tipologia di  Passito , ed Albana, proposto in versione secco  ed in un’altrettanto particolare  versione di  Passito. All’interno dei vigneti vi è pure una piccola presenza di vitigni rossi internazionali.  Il tutto per una produzione annuale di circa 25.000 bottiglie

Terre della Pieve

 Produttore consigliato da Quattrocalici.it
Terre della Pieve
47521 Cesena (Forlì-Cesena)
Via Cavalcavia 250
Tel: 3405642937
Dati aziendali:
Anno di fondazione: 2003
Produzione: 20000 bott./anno
Ettari vitati: 5.0
Azienda agrituristica: no
Visite all'azienda: Su prenotazione
Vendita diretta:
Vendita online:

I Vini selezionati da Quattrocalici.it per questa cantina


Non sono stati ancora recensiti vini per l'azienda Terre della Pieve


Conosci questa cantina? Se vuoi puoi condividere un commento su Facebook: