Cecchetto Giorgio La Guida Vini di Quattrocalici.it

Azienda Agricola Giorgio Cecchetto

La storia di Giorgio Cecchetto si intreccia saldamente con quella della sua terra e del suo vitigno più importante, il Raboso del Piave, un vitigno difficile da domare ma capace di colpire con il suo carattere ruvido, spavaldo, a tratti scontroso. Pertanto la produzione e la maggior parte degli sforzi aziendali sono tesi alla valorizzazione di questo vino, il figlio prediletto. In questa cantina si possono assaggiare diverse prove, interpretazioni, versioni, esperimenti, discutere di legni, affinamenti, vendemmie, strategie di vinificazione, appassimenti riguardanti questo vitigno della provincia trevigiana tradizionalmente incline alla spigolosità e qui interpretato secondo uno stile più moderno.

La cantina Cecchetto, nata da una lunga tradizione familiare che la unisce alla coltivazione della vite e alla produzione del vino, ha la sua sede principale a Tezze di Piave, nel cuore dell'area Doc Piave, in provincia di Treviso ha dedicato un libro al figlio prediletto,il Raboso del Piave, dove in tre anni di lavoro, ha raccolto le preziose testimonianze di cinque autori sul tema Raboso: Antonio Calò già direttore dell'Istituto Sperimentale per la Viticoltura; Francesco Francini medico nutrizionista e docente all'Università di Padova; Paolo Lauciani giornalista collaboratore della rubrica "Gusto" Tg5; Giampiero Rorato studioso di enogastronomia; Diego Tomasi agronomo. Nel testo IL RABOSO DEL PIAVE – Fascinosa realtà delle terre del Piave (anche in lingua inglese) si rivaluta l'autenticità del Raboso del Piave, un vino autoctono, ma soprattutto, come sostiene Cecchetto: "un patrimonio che si esprime attraverso la sua terra ed il rincorrersi di stagioni più o meno favorevoli: interpretato dalle sue genti, che raccolgono l'eredità di più di cinquecento anni di storia, la custodiscono con amore paterno e la affidano integra ed inossidabile al luminoso futuro del Raboso che verrà". Grande impegno anche per il resto della produzione Cecchetto, come il "Sante Rosso" un Merlot Piave Doc premiato con il titolo di "Miglior Merlot d'Italia" per il secondo anno consecutivo: con la vendemmia 2007 e con la vendemmia 2006 . I riconoscimenti sono giunti dal concorso nazionale dei Merlot d'Italia di Aldeno (TN). Il “Sante Rosso”, viene prodotto solo nelle migliori annate e sviluppa un concetto moderno ed attuale: la tracciabilità delle uve.

Azienda agricola Cecchetto

Il Raboso della Confraternita

Sabato 14 aprile 2011, presso la Sala Degustazione della Scuola Enologica "Cerletti" di Conegliano, la tredicesima selezione annuale del "Raboso della Confraternita", mediante la quale una commissione composta da produttori, sommeliers e giornalisti enogastronomici sceglie, fin dal 1998, il vino che per un anno rappresenterà il Raboso della Confraternita, associazione che da oltre dieci anni lavora infaticabilmente alla rivalutazione e alla promozione dell'unico vitigno autoctono a bacca rossa della Marca Trevigiana. La selezione 2011 ha eletto come "Raboso dell'anno" il nostro Raboso Piave Doc 2007, per la decima volta. Ci onora che sia ancora la nostra azienda a rappresentare la migliore espressione di questo vino che racchiude in sé storia, cultura e tradizioni del nostro territorio.


 Produttore consigliato da Quattrocalici.it
Cecchetto Giorgio
31028 Vazzola (Treviso)
Via Piave, 67 - Loc. Tezze di Piave
http://www.rabosopiave.com
Tel: 043828598
Dati aziendali:
Anno di fondazione: 1990
Produzione: 220000 bott./anno
Ettari vitati:
Azienda agrituristica: no
Visite all'azienda: Su prenotazione
Vendita diretta:
Vendita online:

I Vini selezionati da Quattrocalici.it per questa cantina

Nome vino Produttore vino Gruppo vini Caratteristiche Fascia prezzo
Carmenére Cecchetto Giorgio Carmenère Rosso Fermo Secco < € >
Incrocio Manzoni 6.0.13 Cecchetto Giorgio Manzoni bianco Bianco Fermo Secco < € >
Pinot Grigio Piave Cecchetto Giorgio Pinot grigio Bianco Fermo Secco < € >
Rosa Bruna Cuvée Cecchetto Giorgio Uvaggi rosati Rosato Spumante Secco

Conosci questa cantina? Se vuoi puoi condividere un commento su Facebook: