L'Atlante delle Denominazioni di origine di Quattrocalici.it

Chianti DOCG

 

La denominazione di origine "Chianti DOCG" è una delle più importanti DOCG della regione Toscana, per le province di Arezzo, Firenze, Siena, Pisa, Pistoia, Prato. Esiste dal 1967 (DOC) ed è passata a DOCG dal 1996. I vini della Chianti DOCG vengono prodotti a partire dai vitigni Sangiovese. Visualizza tutte le DOCG della regione Toscana sulla Guida alle Denominazioni di Origine dei Vini d'Italia di Quattrocalici.it

tipologie vini ammesse per la Chianti DOCG

La denominazione di origine controllata e garantita «Chianti» è riservata ai vini «Chianti», per le seguenti tipologie: «Chianti», «Chianti Superiore», Chianti "Riserva" (anche con indicazione delle sottozone) e le seguenti sottozone: «Chianti Colli Aretini», «Chianti Colli Fiorentini», «Chianti Colli Senesi», «Chianti Colline Pisane», «Chianti Montalbano», «Chianti Montespertoli» e «Chianti Rufina».

il dettaglio per le tipologie vini della Chianti DOCG

Zone di produzione per i vini della Chianti DOCG

La zona di produzione dei vini Chianti DOCG è  la seguente: Provincia di Arezzo: comprende parte o tutto il territorio dei Comuni di Arezzo, Bucine, Capolona, Castelfranco di Sopra, Castiglion Fibocchi, Cavriglia, Civitella in Val di Chiana, Foiano della Chiana, Laterina, Loro Ciuffenna, Lucignano, Marciano della Chiana, Monte San Savino, Montevarchi, Pergine Valdarno, Pian di Sco, Subbiano, Terranuova Bracciolini;Provincia di Frenze: comprende parte o tutto il territorio dei Comuni di Bagno a Ripoli, Barberino Val d'Elsa, Capraia e Limite, Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Dicomano, Empoli, Fiesole, Figline Valdarno, Firenze, Gambassi Terme, Impruneta, Incisa Valdarno, Lastra a Signa, Londa, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull'Arno, Rufina, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci, Signa, Tavarnelle Val di Pesa, Vinci;Provincia di Prato: comprende parte o tutto il territorio dei Comuni di Carmignano, Montemurlo e Poggio a Caiano;Provincia di Pisa: comprende parte o tutto il territorio dei Comuni di Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Fauglia, Laiatico, Lari, Lorenzana, Montopoli Valdarno, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, San Miniato, Santa Luce, Terricciola;
Provincia di Pistoia: comprende parte o tutto il territorio dei Comuni di Lamporecchio, Larciano, Monsummano Terme, Montale, Pistoia, Quarrata, Serravalle Pistoiese;Provincia di Siena: comprende parte o tutto il territorio dei Comuni di Asciano, Casole d'Elsa, Castelnuovo Berardenga, Cetona, Chianciano, Chiusi, Colle Val d'Elsa, Montalcino, Montepulciano, Monteriggioni, Monteroni Val d'Arbia, Murlo, Pienza, Poggibonsi, Radicondoli, Rapolano Terme, San Casciano dei Bagni, San Gimignano, Sarteano, Siena, Sinalunga, Sovicille, Torrita di Siena, Trequanda.

Per quanto riguarda le sottozone:

  • Chianti DOCG Sottozona Rufina: comprende in tutto o in parte i Comuni di Dicomano, Londa, Pelago, Pontassieve e Rùfina, tutti in provincia di Firenze;
  • Chianti DOCG Sottozona Montalbano: comprende in tutto o in parte i Comuni di Capraia e Limite, Vinci in provincia di Firenze, Larciano, Lamporecchio, Monsummano Terme e Quarrata in provincia di Pistoia;
  • Chianti DOCG Sottozona Montespertoli: comprende il territorio del Comune di Montespertoli in provincia di Firenze;
  • Chianti DOCG Sottozona Colli Senesi: comprende in tutto o in parte il territorio dei Comuni di Castelnuovo Berardenga, Chiusi, Colle Val d'Elsa, Montalcino, Montepulciano, Monteriggioni, Murlo, Poggibonsi, San Gimignano, Siena, Sinalunga, Sovicille, Torrita di Siena, tutti in provincia di Siena;
  • Chianti DOCG Sottozona Colli Aretini: comprende tutto o parte del territorio dei Comuni di Arezzo, Bucine, Capolona, Castelfranco di Sopra, Castiglion Fibocchi, Cavriglia, Civitella in Val di Chiana, Laterina, Loro Ciuffenna, Montevarchi, Pergine Valdarno, Pian di Sco e Subbiano, tutti in provincia di Arezzo;
  • Chianti DOCG Sottozona Colline Pisane: Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Fauglia, Lari, Ponsacco e Terricciola, tutti in provincia di Pisa

i dettagli della base ampelografica per la Chianti DOCG

 I vini «Chianti» devono essere ottenuti da uve  provenienti dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

  • Sangiovese: da 70 a 100%;
  • Possono inoltre concorrere alla produzione le uve provenienti da vitigni idonei alla coltivazione nell'ambito della regione Toscana.
  • I vitigni Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon, non potranno, singolarmente o congiuntamente, superare il limite massimo del 15%.

Si riportano di seguito i vitigni complementari idonei alla coltivazione nella Regione Toscana che possono concorrere alla produzione dei vini Chianti DOCG:

  • vitigni a bacca rossa: Abrusco n., Aleatico n., Alicante n., Alicante Bouschet n., Ancellotta n., Barbera n., Barsaglina n., Bonamico n., Bracciola nera n., Calabrese n., Caloria n., Canaiolo n., Canina nera n., Carignano n., Carmenere n., Cesanese d’Affile n., Ciliegiolo n., Colomabna nera, Colorino n., Foglia Tonda n., Gamay n., Groppello di S. Stefano n., Groppello Gentile n., Lambrusco Maestri n., Malbech n., Malvasia n., Malvasia Nera di Brindisi n., Malvasia Nera di Lecce n., Mammolo n., Mazzese n., Merlot n., Montepulciano n., Petit Verdot n., Pinot Nero n., Polleria nera n., Prugnolo Gentile n., Rebo n., Refosco dal Peduncolo Rosso n., Sagrantino n., Sanforte n., Schiava Gentile, Syrah n., Tempranillo n., Teroldego n., Vermentino Nero n..
  • vitigni a bacca bianca: Albana b., Alabarola b., Ansonica b., Biancone b., Canaiolo Binaco b., Chardonnay B., Clairette b., Durella b., Fiano b., Grechetto b., Greco b., Incrocio Bruni 54 b., Livornese Bianca b., Malvasia Bianca di Candia b., Malvasia Bianca Lunga b., Malvasia Istriana b., Manzoni Bianco b., Marsanne b., Moscato Bianco b., Muller Thurgau b., Orpicchio b., Petit Manseng b., Pinot Bianco b., Pinot Grigio g., Riesling renano b., Riesling Italico b., Roussane b., Sauvignon b., Semillon b., Traminer Aromatico Rs., Trebbiano Toscano B., Verdea b., Verdello b., Verdicchio Bianco b., Vermentino b., Vernaccia di S. Gimignano b., Viogner b.

le norme per la viticoltura nella Chianti DOCG

  • Densità di impianto: I nuovi impianti devono essere realizzati con almeno 4.000 ceppi per ettaro.
  • La produzione massima di uva per ettaro è di 9 tonnellate, 8 tonnellate se viene indicata la sottozona e 7,5 tonnellate per la tipologia "superiore"
  • La produzione massima di uve non deve essere in media superiore a kg 3,00 per ceppo.
  • Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è di 10,50%, 11,00% se viene indicata la sottozona, 11,50% per la tipologia "superiore" e 12,50% per la tipologia "Chianti Colli Senesi Riserva".

le norme per la vinificazione e l'affinamento dei vini per la Chianti DOCG

Resa uva/vino e vino/ettaro: 70% per una produzione max di 63 hl di vino per ettaro, 56 hl/ha se c'è l'indicazione della sottozona, 52,5 hl/ha per la tipologia "superiore".

Il vino a denominazione di origine controllata e garantita «Chianti», anche con riferimento alle sottozone, può aver diritto alla menzione «riserva» se sottoposto ad invecchiamento di almeno 2 anni.  Il periodo di invecchiamento per aver diritto alla menzione «riserva» viene calcolato a decorrere dal 1° gennaio successivo all'annata di produzione delle uve.

Per i vini a denominazione di origine controllata e garantita «Chianti» con i riferimenti alle sottozone «Colli Fiorentini» e «Rufina» l'invecchiamento previsto per aver diritto alla menzione «riserva» dovrà essere effettuato per almeno sei mesi in fusti di legno.

Per il vino Chianti con riferimento alla sottozona «Colli Senesi» l'invecchiamento previsto per aver diritto alla menzione «riserva» dovrà essere effettuato per almeno 8 mesi in fusti di legno con un successivo affinamento in bottiglia per almeno 4 mesi.

L'immissione al consumo avviene di regola  a partire dal primo marzo dell'anno successivo alla vendemmia, con eccezione della sottozona "Colli Fiorentini" , "Rufina" e per la tipologia "superiore" per la quale è prevista l'immissione al consumo a partire dal 1. settembre dell'anno successivo alla vendemmia e per la sottozona "Montespertoli" per il quale l'immissione al consumo è prevista a partire dal 1. Guigno dell'anno successivo alla vendemmia.

le caratteristiche dei vini inclusi nella Chianti DOCG

“Chianti” anche con riferimento alle sottozone (per i dettagli consultare il disciplinare):

  • colore: rubino vivace tendente al granato con l'invecchiamento;
  • odore: intensamente vinoso, talvolta con profumo di mammola e con più pronunziato carattere di finezza nella fase di invecchiamento;
  • sapore: armonico, sapido, leggermente tannico, che si affina col tempo al morbidovellutato; il prodotto dell'annata che ha subito il «governo» presenta vivezza e rotondità;
  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%, con un massimo di 4,0 g/l di zuccheri riduttori;
  • acidità totale minima: 4,5 g/l;
  • estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
  • Se con la menzione «riserva»: titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00%; estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.

“Chianti” Superiore:

  • colore: rubino vivace tendente al granato con l'invecchiamento;
  • odore: intensamente vinoso, talvolta con profumo di mammola e con più pronunziatocarattere di finezza nella fase di invecchiamento;
  • sapore: armonico, sapido, leggermente tannico, che si affina col tempo al morbido vellutato; il prodotto dell'annata che ha subito il «governo» presenta vivezza e rotondità;
  • titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00%, con un massimo di 4,0 g/l di zuccheri riduttori;
  • acidità totale minima: 4,5 g/l;
  • estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.

Produttori ubicati nel territorio della Chianti DOCG

Seleziona un produttore dall'elenco o dalla tabella
Produttore Comune Provincia
Borgo Scopeto Castelnuovo Berardenga Siena
Buccianera Arezzo Arezzo
Caparzo Montalcino Siena
Casa Sola Barberino Val d'Elsa Firenze
Fanti Montalcino Siena
San Ferdinando Civitella in Val di Chiana Arezzo
San Luciano Monte San Savino Arezzo
Tiezzi Montalcino Siena
Loacker Corte Pavone Montalcino Siena
Abbadia Ardenga Montalcino Siena

Pagine